giovedì 27 agosto 2015

Tutti sbagliamo. Spesso facciamo scelte presi dall'entusiasmo, le farfalle nello stomaco ragionano per noi e crediamo di fare la cosa giusta.
Magari in quel momento lo è davvero ma piano piano più passa il tempo più ci rendiamo conto che forse così giusta non era e finiamo con l'annullare noi stessi in nome di un qualcosa che non ha futuro.
Le storie a tempo determinato esistono, non c'è nulla da fare, e non ha senso incaponirsi e cercare di farle funzionare a tutti i costi, spesso è molto più semplice prendere atto della realtà e guardare oltre.
Io feci uno sbaglio simile qualche anno fa, poco tempo prima di conoscere mio marito -l'unica persona che mi ha fatto capire che l'amore è roba semplice e l'unico che mi abbia mai fatto pensare alla parola "matrimonio"-.
L'inizio fu bello, non posso negarlo, ma il suo essere pessimista e negativo piano piano mi sgretolò dentro portandomi a non essere più me stessa del tutto. Ho iniziato a tenermi dentro i pensieri e preoccupazioni per paura di litigare e un po' alla volta iniziai a non essere più felice.
L'apice venne raggiunto quando, durante una forte discussione, mi disse "non saresti una brava madre" per cercare di scoraggiarmi dall'idea di avere un figlio.
Ora che madre lo sono diventata per davvero quelle parole ultimamente mi risuonano spesso nella testa e più ci penso più mi riempio d'amore per Bianca.
Di madri veramente brave nel pieno senso del termine credo ce ne siano davvero poche, tutte sbagliano e commettono errori ma l'amore vince su tutto e questo le rende uniche.
Io non so ancora se sono brava oppure no ma credetemi, ce la sto mettendo tutta.

Detto questo passiamo ad argomenti più leggeri. 

Da quando ho partorito ho i capelli che urlano pietà. Li tengo sempre raccolti in una coda o in uno chignon non avendo il tempo materiale per andare dal parrucchiere per una piega. Ho pensato quindi di imparare finalmente a farmi la treccia. Quando la vedo sulle altre mi piace tantissimo e penso "wow, sembra semplice" e ogni volta che ci ho provato è stato un completo disastro. 
Questa acconciatura, fattibile solo se si ha i capelli un pochino lunghi, è raffinatissima, in questo periodo dove sono spesso in casa potrei cimentarmi e, con pazienza, provare a imparare una volta per tutte. Su Youtube è pieno di tutorial, devo solo cominciare. Stay tuned! 



lunedì 24 agosto 2015

Il tasto dolente del post partum è la dieta. C'è chi dice che allattando non bisogna assolutamente mettersi a contare le calorie e chi invece se ne frega iniziando regimi alimentari rigidissimi e oggi vi dico la mia in merito.

Da sempre cerco di seguire un'alimentazione basata principalmente sull'eliminazione di qualsiasi cereale col glutine (grano, farro, kamut ecc), la famosa "dieta del gruppo sanguigno" che appena scoperto di essere incinta ho scelto di sospendere per almeno i nove mesi di gravidanza. Col parto ho perso in tutto nove chili dei sedici accumulati e ora me ne restano sette da smaltire. Come fare? Di sicuro non ho intenzione di iniziare diete restrittive dato che voglio allattare finchè posso quindi ho deciso solamente di impegnarmi per mangiare in modo sempre più salutare e fare della frutta e verdura i punti forti dei miei pasti. 
Non essendo ancora passata la quarantena per ora niente attività fisica seria, mi limito a fare qualche passeggiata con il mio fagottino ma appena potrò andrò a nuotare. Mi piacerebbe riuscire a perdere quei fastidiosi chili di troppo entro sei mesi.



Avere qualche chilo in più significa anche prestare maggiore attenzione al look, così nell'attesa di rientrare nei miei amati jeans skinny che ho ben riposto nell'armadio mi dò ai maxi dress, comodi, leggeri e coprono tutte le rotondità permettendo di mantenere la propria femminilità. 


Questo abito lungo di H&M è diventato quasi la mia seconda pelle, il dettaglio in pizzo lo rende diverso dal solito e io lo adoro.
Non c'è cosa migliore che sentirsi a proprio agio indossando vestiti che fanno stare bene e in pace con se stessi!

DRESS: H&M
EARRINGS: ALDO SHOES (ON SALE)
SUNGLASSES: DOLCE&GABBANA


giovedì 13 agosto 2015

Se c'è una cosa che adoro è la possibilità di provare prodotti beauty nuovi scoprendo marchi che prima non conoscevo.
Devo premettere che io sono fissata con il naturale e se posso cerco di prediligere brand che operano su questo filone.


Biomed è un'azienda tedesca che ha fatto di questo il suo punto di forza proponendo prodotti medici e naturali per la cura della pelle.
La cosa che mi è piaciuta molto fin da subito è che unisce l'eleganza dell'aspetto estetico a una qualità ricercata dei cosmetici, associando quindi un package moderno a prodotti eco-friendly (Biomed è affiliato FSC e Klimaneutral).















Le linee che propone sono per il viso e occhi, per la cura di ogni giorno, per problemi specifici e per il corpo. Io mi sono concentrata sul viso e occhi ma credo mi lascerò tentare anche dalla linea corpo.
Sono tutti prodotti clinicamente testati e i risultati sono visibili fin da subito.


Il sogno di ogni donna è quello di utlizzare cosmetici all'avanguardia che siano allo stesso tempo piacevoli alla vista e il meno possibile sintetici. La soluzione esiste e si chiama Biomed!
Maggiori info si possono avere sul sito ufficiale del marchio Biomedoppure acquistarli sulla Farmacia On line Italiana autorizzata eFarma

Facebook page: https://www.facebook.com/biomed.organics.italia?fref=ts

 

venerdì 7 agosto 2015

Quest'estate si è rivelata la più torrida degli ultimi anni. Così se l'anno scorso ho dovuto fare mille riti propiziatori per non far piovere il giorno del mio matrimonio, quest'anno che ero incinta e avrei gradito un po' più di fresco ho sofferto per le temperature elevate. Qualcuno potrebbe dire che non mi accontento mai di niente e in effetti ammetto che il lamento è un po' il mio tratto distintivo. Non so perchè ma per ogni cosa mi piace trovare non dico il lato negativo ma quella sfumatura che mi dà modo di avercela un po' col mondo. Per il resto sono una persona molto ottimista che vede sempre il bicchiere mezzo pieno.

Questa estate 2015 verrà ricordata per la poca originalità dei trend di stagione (#saichenovità è diventato il mio hastag preferito) ma in fatto di scarpe sono rimasta molto colpita dai sandali flat con i dettagli animalier.
Me ne sono innamorata talmente tanto che poco prima di partorire stavo per comprarmene un paio.
Sono davvero originali, aggressivi e chic allo stesso tempo. Danno un tocco speciale all'outfit e si possono indossare sia di giorno che di sera.
Ora, a 15 giorni dal parto, la voglia di questo genere di sandalo non se n'è ancora andata e in qualche modo devo soddisfarla!




mercoledì 5 agosto 2015

Sono mamma. Dopo un travaglio durato quasi 24 ore (21 per l'esattezza) il 22 luglio ho dato alla luce la mia bellissima bambina. E' vero quello che dicono, lo firmo e sottoscrivo ogni singola parola: appena l'ho vista mi son chiesta come ho potuto vivere per trent'anni senza di lei e d'improvviso la vita di prima mi appare vuota, quasi senza colore.
Passo le ore a guardarla, osservarla e a sorridere al vuoto felice e appagata. Se la gravidanza ti cambia la maternità ti eleva a un gradino più alto (senza presunzioni, lungi da me) dove la responsabilità per la vita di uno scricciolo così piccolo ti fa fare cose che mai e poi mai per nessun altro al mondo avresti fatto.
Che altro dire, cammino a due metri da terra e anche se la fatica è tanta (soprattutto le poppate notturne) non tornerei mai più indietro. Bianca e il suo papà sono tutta la mia vita.



Dopo questi nove mesi di alti e bassi col blog a settembre si torna a pieno regime, stay tuned! 

lunedì 20 luglio 2015

Un anno fa e più precisamente il 28 giugno 2014 convolavo a nozze. Il mio sogno di bambina, quello cioè di sposare il mio principe azzurro, diventava realtà.
Tante volte ho fantasticato su quel giorno pensando a chi sarebbe stato il fortunato, quale la location e soprattutto che tipo di vestito avrei indossato. Devo ammettere che ho sempre avuto più o meno le idee chiare sul modello di wedding dress che volevo: bianco, tradizionale, non ampio (in fondo sono una principessa moderna e le favole le lascio scritte sui libri) e interamente di pizzo. 
Con mia grande gioia posso dire che ho potuto realizzare in pieno il mio sogno, cosa non da tutte, e per questo mi sento immensamente fortunata.


Poco tempo fa, in occasione del mio primo anniversario di nozze, ho ricevuto un pensiero graditissimo nientemeno che da Zalando che mi omaggiava di un bozzetto, quello del mio abito da sposa! 
La stagione dei matrimoni è iniziata da tempo ormai ma almeno fino alla fine di settembre non si concluderà e per questo motivo Zalando viene in nostro aiuto offrendoci una vastissima gamma di abiti da cerimonia e una pagina speciale, dedicata ai wedding dress reali più belli di sempre.


Quest'anno il mio grande evento sarà un altro ma devo ammettere che mi manca moltissimo non partecipare ad alcun matrimonio. Cosa c'è di più bello che vedere due persone innamorate che si scambiano una promessa d'amore eterno davanti a tutti?





mercoledì 8 luglio 2015

In questi giorni dove sto cercando di impegnarmi al massimo per rilassarmi e riposare in vista del parto (sì, manca davvero poco!) mi sento di sprecare qualche parola per affrontare un argomento che mai come in questo momento mi sta a cuore: i chili che si prendono in gravidanza.
Sono partita da una situazione normopeso, nè eccessivamente magra nè eccessivamente grassa, e col passare dei mesi sono via via aumentata, un po' fisiologicamente un po' perchè per la prima volta nella mia vita me ne sono fregata della dieta e mi sono concessa qualche piacere della gola in più.
Quando ho iniziato a vedermi sempre più lievitata, senza giro vita e con tanta ritenzione idrica un po' mi sono allarmata e ho iniziato a temere di non riuscire più a tornare come un tempo. Ho trascorso giorni dove mi sono sentita veramente giù di tono, molte persone mi incontravano e mi dicevano che avevo una pancia ENORME e che le cosce erano belle GROSSE facendo crollare così la mia autostima. Ah, se solo la gente iniziasse a tenere per sè certi commenti forse il mondo sarebbe un posto migliore.
Qualche giorno fa poi mi imbatto in un articolo dove Bianca Balti dichiara di aver preso 15 kg durante la sua gravidanza e si mostra senza problemi sui social con le sue forme morbide che non ha ancora perso a tre mesi dal parto. Una vera ventata di ossigeno per me!
Dichiara di sentirsi bene in questi panni, ha raccontato il periodo felice che sta vivendo e considerando quanto sia bella e radiosa nelle foto che posta questo articolo mi ha fatto pensare molto. 
E se fosse solo un problema degli altri? E se forse la felicità di una persona rappresentasse una minaccia per un'altra incitandola anche solo inconsciamente a fare commenti poco carini pur di smontare tutta questa gioia?
Da qualche giorno a questa parte mi sento meglio e il tutto grazie a Bianca Balti che nemmeno a farlo apposta porta il nome che avrà la mia bambina. 
Io di chili ne ho presi in tutto 16 e non ho più vergogna a dirlo.



Cara Bianca (so che mi leggi, ihih), mi hai fatto scattare nella testa quella cosa che si chiama menefreghismo. E te ne sono davvero grata.





sabato 20 giugno 2015

Sì avete letto bene, il mio colore preferito è il giallo. 
Questa tinta è assai appariscente e va abbinata con parsimonia: approvato in vestiti o accessori -non azzardate mai il tono su tono però vi prego!- lo boccio pienamente nel make up. No quindi a unghie o ad ombretti giallo canarino, rischiate di cadere nel kitsch. Questa tonalità è da ben distinguere con l'oro che, seppur possa essere considerata una sua sfumatura, è un colore da considerarsi a sè e questo nel make up è invece pienamente promosso.


Quindi teniamo bene in mente che per essere alla moda non serve esagerare, un po' di brio al look è ammesso ma cerchiamo di non sconfinare nel ridicolo. Non c'è bisogno di ostentare unghie lunghe giallo fluo o completi total yellow per farsi notare o essere considerate fashion victim. Il mio consiglio è sempre e comunque la sobrietà, con un pizzico di originalità. Ma quest'ultima o si possiede o si finisce di scadere nel volgare.